Blog Ricette Verdure & C.

Che bello! È tornata la normalità e, con essa, le gioie della famiglia! Festeggiamo con questa teglia di verdure gratinate, va’…

28 Settembre 2016

Che bello! È tornata la normalità, e con essa, le gioie della famiglia.

Percorso bagno – cucina, ore 7,30 di mattina.  Dopo aver zittito la sveglia del telefonino, che in effetti potrei fare a meno di puntare perché da questo ultimo rientro riesco ad aprire gli occhi puntualmente 7 minuti esatti prima che suoni.

Mi chiedo se durante le vacanze mi sia cresciuto un timer internamente, oltre a quel paio di inevitabili chiletti.

Torniamo al percorso mattutino: uno slalom costellato di teli da doccia appallottolati da piegare, di carichini di tablet e smartphone vari da aggirare, di sneakers da schivare qua e là, e di colazioni da preparare.

“Con latte”, “senza latte”, “più frutta, grazie, ma le pesche no”, “yogurt coi semini, mamma grazie, ma le noci te le mangi tu che c’hai la menopausa e ti fanno bene”… Chissà da dove viene tutta questa competenza nutrizionale!

Poi, durante la mia colazione, arricchita da integratori vari per via delle fragili condizioni di cui sopra, l’intervista di rito a ogni membro della famiglia: “chi mangia in casa alle 13? E chi alle 14? Chi c’è solo stasera a cena? Chi a entrambi i pasti ? Chi né a pranzo né a cena?”.

Dopodiché mi armo di carta e penna per capire quali sono i cibi che mancano all’appello del giorno. Un pensiero mi inquieta: ma non ho fatto la megaspesa settimanale due giorni fa? Sei sacchetti pieni che la mia schiena ancora se li ricorda? Come fa a mancare sempre tutto a casa mia? O il sabato vengo colta da potenti amnesie o qui si mangia a sproposito.

Poi iniziano le gentili richieste formato famiglia: “Cara, passeresti tu dalla banca già che ci sei?”. Quel “già che ci sei” meriterebbe un certo approfondimento. E ancora: “Mamma, mi vai a iscrivere in piscina che scade oggi e io c’ho un sacco di sbatti?”. Aiuto, cosa sono gli “sbatti”?

Ma non è tutto: “Seniora, finiti sacchini scopa elettrica, se ci vai tu io stiro“. Cara la mia colf, ti vado a comprare l’intero negozio di ricambi, pur di non stirare neanche una camicia!

Finalmente, verso le 18 – sì, quella che per gli altri è l’ora felice dell’aperitivo – io riesco a sedermi alla mia agognata scrivania per chiudere il pezzo da consegnare al giornale. Senza troppi indugi, però, perché il nostro cane ha la vescica più abitudinaria della storia dell’anatomia veterinaria: alle 19 spaccate deve uscire.

Per fortuna che la cena è solo da infornare! È questa gustosa teglia di verdure di stagione. E che ho preparato tra il primo e il secondo turno del pasto di mezzodì. Per assecondare un venticello vegetariano che ultimamente aleggia nella mia famiglia.

Che bello! È tornata la normalità.
(articolo apparso su Il Giorno di giovedì 22 settembre 2016)

Teglia di verdure gratinate

Cosa ti serve
4 zucchine rotonde
4 pomodori ramati maturi ma sodi
2 peperoni
4 cipolle bianche
4 melanzane lunghe
100 g di parmigiano reggiano grattugiato
80 g di pane grattugiato
2 spicchi di aglio
un ciuffetto di prezzemolo
1 rametto di rosmarino
1 grattugiata di noce moscata
1 bicchiere di olio extravergine di oliva
sale e pepe

Come devi fare
Spella l’aglio, lava il prezzemolo, asciugalo bene; pulisci il rosmarino e trita tutto molto fine. Versa gli aromi tritati in una ciotola con il pangrattato, il parmigiano, l’olio (tranne un dito), il sale, il pepe e la noce moscata. Mescola e tieni da parte. Lava e pulisci le verdure. Alcune andranno sbollentate ancora intere (è questo il segreto della ricetta affinché tutte le verdure cuociano bene e uniformemente poi in forno!). Tuffa quindi le cipolle in acqua bollente per 15 minuti, poi scolale e falle raffreddare. Fai lo stesso i peperoni: tuffali in acqua bollente per circa 15 minuti. Dopodiché spunta le zucchine e tagliale per il lungo, estraendo un poco di polpa (che tagliuzzata finemente mescolerai alla farcia precedentemente preparata). Prepara i pomodori, che taglierai a metà, eliminando parte dell’interno e i semi, salali e mettili capovolti su una gratella a perdere acqua. Taglia per il lungo anche le melanzane, prima private del picciolo. Torna ora alle verdure sbollentate, scolate e ormai tiepide: togli il picciolo ai peperoni, tagliali a metà, privali dei semini e dei filetti bianchi; taglia a metà le cipolle. Disponi tutte le verdure su una grande teglia da forno unta d’olio; salale, poco, dalla parte del taglio. Ora disponi su ogni verdura una parte abbondante del composto di pangrattato, formaggio e aromi preparato prima, fino a coprire tutte le verdure e pigiando un poco con il dorso di un cucchiaio. Versaci a filo il restante olio. Inforna la teglia di verdure a 220 gradi. Cuoci per circa 40 minuti, facendo attenzione che il composto di pane non bruci. Quando mancano 5 minuti al termine della cottura, passa alla modalità grill per formare la crosticina. Servi le verdure calde o tiepide, come accompagnamento per tutti i tipi di carne oppure con formaggi stagionati.

 

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse