Primi

Eccoci qua, dopo vacanze al sapore di Romagna, rientro con… tagliolini alla cipolla caramellata e formaggio di fossa

31 Agosto 2014

emoticibo tagliolini

E meno male che ci sono questi tagliolini, di cui non posseggo la ricetta, ma che ho cercato di riprodurre, che mi stanno tirando su il morale del rientro perché la sfida è, in assenza di ricetta, appunto, la riproduzione fedele. Saranno le papille a decretare, ma se farai così ti ci avvicinerai. Parola di Gloriosità!

Cosa ti serve

Tagliolini alla cipolla caramellata e formaggio di fossa
(diciamo per 4 persone…)

  • 350 gr di tagliolini all’uovo, freschi (se non hai voglia di pasticciare con uova e farina e poi di tirare la sfoglia che pare un sole, comprali o fatteli fare da una sfoglina)
  • 2 cipolle bionde
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 100 gr di guanciale o pancetta dolce
  • 100 gr di formaggio di fossa (in Romagna lo fanno stare sottoterra per non so quanti anni; dopo, quando lo mangi, ha un sapore celestiale); in mancanza forzata di esso, ripiega su un pecorino, ma sceglilo coi fiocchi: la sua piccante consistenza decreterà il successo del piatto
  • 1 manciatona di radicchio verde e sodo o di cicorino
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe

Io farei così

Comincerei con il tagliare a rondelle fini fini le due cipolle, dopo averle sbucciate. Piangerai, ma c’è di peggio! Ora mettile in un tegame con poco olio, falle rosolare piano piano, poi aggiungi lo zucchero, mescola, fai dorare e quindi irrora a filo con acqua via via che questa viene assorbita. Ci vorrà un po’ di tempo e pazienza. A un certo punto sala, abbastanza sennò le cipolle sono troppo dolci e pepa a gusto. Nel frattempo, taglia a bastoncini fini e corti il guanciale o la pancetta, che farai poi rosolare in un tegame antiaderente ben caldo, ma senza bruciarli. Spegni e tieni da parte. Ora fai il pesto di radichio: lava e sgronda il mazzetto di radicchio, mettilo nel mixer coi pinoli e un pizzico di sale, fai andare: una paio di frullatine, non deve venire troppo fine né troppo liquido; quando lo versi in una ciotolina aggiungi il parmigiano e mescola. Tieni da parte. Ora porta a bollore una pentola d’acqua in cui cuocerai i tagliolini: basterà poco, perché sono fini e freschi. Mentre arrivano a bollore, con una grattugia a fori larghi grattugia il formaggio di fossa: devi ottenere delle piccole strisce, che metti in un piatto e tieni da parte. Scola i tagliolini, condiscili con la cipolla e il suo sughetto, aggiungi i bastoncini di guanciale, mescola bene; se la pasta risultasse troppo asciutta, irrora con un filo di olio crudo e, impiattando, decora con un cucchiaino di pesto al radicchio (i piatti devono essere caldi) poi completa decorando con le striscioline di formaggio di fossa. A piacere, puoi spargere una macinata di pepe. Divini?

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse