Blog Ricette Verdure & C.

Insalata di Natale: tutta colorata, sana e gustosa. Un piatto vegetariano in ricordo del mio cane Triky che non c’è più

21 dicembre 2016

L’altro giorno ho accompagnato il mio cagnone di quasi 16 anni a morire. Potrei scrivere un diario strappalacrime, e forse lo sarà.

Ma se ci riuscissi vorrei evitare frasi fatte del tipo: “sei stato un vero amico”, eccerto che lo è stato; oltretutto in silenzio, cosa non da poco.

Insieme abbiamo condiviso momenti felici e altri più difficili”: 16 anni sono lunghi, inevitabile che ci siano stati gli uni e gli altri.

Sei stato fedele come pochi…”: Triky è arrivato in famiglia da cucciolo, è sempre stato soltanto con noi, a chi avrebbe dovuto giurare fedeltà se non alla sua famiglia?

No, in memoria del grande cane “normale” che sei stato meriteresti molto di più di questi scontati epitaffi. Vedremo se ne sarò capace…

Eri molto vivace da piccolo, saltavi ovunque come una grossa cavalletta, eppure diventavi all’improvviso calmo e tranquillo quando ti accorgevi che stavo male; e insieme abbiamo condiviso addirittura una chemioterapia, è stato bello sentirti vicino.

Hai fatto fuori un intero set di sedie, pregiate e oggettivamente belle, ma che a ben pensarci non si adattavano granché all’arredamento di casa nostra: avrei avuto il coraggio di cambiarle senza i tuoi spasmodici morsetti che le hanno rese ben presto indecenti?

Hai regalato tanta felicità a mio padre. Il babbo in bici e tu al guinzaglio, quanta pineta vi siete macinati! Sei stato un dono scacciapensieri e impazzivi per lui.

Hai giocato tanto con la mia bambina, alla quale dovevi quel nome buffo e insolito. Ora lei è una giovane donna che ha versato un fiume di lacrime per te.

Non hai mai salvato la vita di nessuno, ma hai reso migliore quella di tutti noi. Anche se una sera hai lasciato i miei ospiti senza arrosto, perché inavvertitamente l’avevo appoggiato -dorato e succoso – sulla tavola un po’ troppo alla tua portata. Ho dovuto inventare un altro secondo, gli ospiti erano ugualmente appagati, ma il più felice quella volta eri tu, mentre ti leccavi i baffi.

Goloso, del resto, lo sei sempre stato. Attenta alla tua salute, cercavo di farti mangiare solo le tue crocchette, ma quando sentivi odore di prosciutto era impossibile tenerti.

Hai trascorso gran parte del tuo tempo in cucina con me, osservandomi nella speranza che un pezzetto di qualcosa di buono cadesse dalle tue parti. Poi, da quando non ce la facevi quasi più ad alzarti, era in cucina che ti piaceva distendere le tue lunghe zampe doloranti, sempre lì, in mezzo ai miei piedi. E sapessi quanto è vuota questa sera la mia cucina.

In omaggio alla tua memoria, cane adorato, ecco un piatto vegetariano, che durante le feste sarà un prezioso jolly per tutti dopo le abbuffate festaiole a cui andremo incontro! Digestiva e rinfrescante, questa insalata di frutta e verdura può essere servita in apertura o al termine di un pasto abbondante. Oppure può essere consumata da sola, per nutrirsi in leggerezza, senza troppi sensi di colpa.

LA MIA INSALATA DI NATALE

Cosa ti serve (per 6 persone)

1 caspetto di radicchio rosso dalla forma allungata

1 caspetto di indivia detta anche insalata belga

1 arancia

1 finocchio

3 cm di zenzero fresco

1 melagrana

2 mele verdi

8 noci

1 limone

4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

poco sale

pepe nero macinato al momento

Come devi fare

Monda e lava insalata e radicchio. Mentre è in ammollo in acqua fredda, sgrana la melagrana e raccogli i semi in un bicchiere. Lava, asciuga e affetta fine fine il finocchio. Pela al vivo l’arancia e tagliala a dadini: mentre compi questa operazione, raccogli il succo che ne fuoriesce in un bicchiere e tieni da parte.

Sbuccia la mela e tagliala a fettine sottili (oppure a dadini piccoli). Irrora le fette di mela con alcune gocce di limone affinché non anneriscano. Sgronda bene le insalate e taglia a rondelle sottili la belga; dividi a metà per il lungo metà delle foglie di radicchio; taglia a fettine sottili il resto del radicchio.

Pela e trita fine fine lo zenzero. Sguscia le noci e tritale fini. Metti tutta la frutta e la verdura in un’insalatiera. Prendi un barattolo di vetro con coperchio, filtra il succo del restante limone, aggiungi il succo dell’arancia, l’olio, poco sale e il pepe. Mixa il condimento, agitando il barattolo dopo averlo ben chiuso. Con l’emulsione ottenuta condisci la tua fresca insalata di frutta e verdura e servi subito.

 

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse