Blog Primi Ricette

La mia cucina ai tempi del coronavirus: Risotto giallo con scamorza dolce e polvere di liquerizia. Perché quel che conta nella vita è quel pizzico di fantasia in più

19 Maggio 2020

Tra le molte speranze e qualche perdita; tra fase uno, fase due e fase chi lo sa; in tempi di congiunti fino al sesto grado e di affetti più o meno stabili, io una certezza granitica ce l’ho: in questo lungo e surreale periodo mi sono mancati (e mi mancheranno ancora per un po’) gli amici quelli veri, quelli del “mangiamo qualcosa insieme”, degli inviti scambiati “una volta da te, una volta da noi”…

Sì, tra Facetime, Whatspp, Skype e magari Zoom ci siamo visti lo stesso, qualcuno ha anche azzardato momenti di convivialità online, si è scherzato sulla lunghezza insolita di capigliature un po’ selvagge o sulle ricrescite di varie sfumature, ma vuoi mettere il calore di una mano sulla spalla, la strizzata d’occhi complice o il gesto di prendersi le mani contro quelle immagini che sballonzolano, sussultano o spesso si incantano mentre la voce, magari, va avanti per conto suo? Di mezzo, girala come vuoi, c’è sempre uno schermo.

E, soprattutto, nel mezzo non c’è né un piatto né un bicchiere, soltanto parole, parole, parole… Pensate che io finora avevo perfino gli “amici da risotto del sabato sera”! È una serata in cui è veramente difficile farmi cucinare una pietanza diversa, quindi chi ama i miei risotti sa che, quando ne vuole gustare uno davvero ispirato, si fa invitare a casa mia nel fine settimana.

Ne ho cucinati diversi di risotti in questa quarantena e la sfida maggiore è stata proprio la riduzione delle dosi: c’è chi va in panico se deve cucinare per più di due persone, a me invece succede esattamente il contrario! Questo di oggi è un mix di tradizione e innovazione, dal gusto fresco e sorprendente, dedicato agli amici che non abbracciamo da troppo tempo.

Risotto giallo con scamorza dolce e polvere di liquerizia

Cosa ti serve (per 4 persone):
320 g di riso Carnaroli;
1 scalogno;
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
80 g di scamorza dolce; un po’ di zafferano;
1 litro e mezzo di brodo di verdura;
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano invecchiato 36 mesi;
mezzo cucchiaino di polvere di liquerizia

Come devi fare:
Porta a bollore il brodo vegetale, affetta lo scalogno e versalo nel tegame da risotto con l’olio, fallo risolare piano, finché diventa traslucido. Versaci il risotto, fallo tostare bene per un paio di minuti quindi aggiungi un mestolo di brodo e mescola. Vai avanti così fino a metà cottura del riso, quando aggiungerai lo zafferano sciolto in un mestolo di brodo caldo. Prosegui con la cottura del risotto; nel frattempo taglia a dadini la scamorza. Spegni il fuoco, aggiungi la scamorza e il parmigiano al risotto, manteca e lascia riposare due minuti. Quando impiatti, “sporca” ogni porzione con una leggerissima spolverata di liquerizia.

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse