Blog Dolci

Storia di Maddy, pasticcera per passione. E di una margherita che non è solo un fiore, ma un dolce e soffice Pan di Spagna, farcito di crema all’arancia

26 ottobre 2017

A volte si fanno incontri che lasciano il segno. E, magari, in bocca un sapore dolce. E negli occhi la gioia di quando ci si imbatte in un capolavoro di zucchero ben lavorato e ben disposto. È quello che ho provato conoscendo, a una divertente e calorosa cena di compleanno, Maddy che poi è Marilena. Due nomi, una torta, e un sogno nel cassetto: aprire una propria pasticceria. Per ora si arrangia (e molto bene) nella cucina di casa. Perché, dice Maddi:

«La mia passione per i dolci nasce quando ancora adolescente mi offrivo di preparare le torte di compleanno per i miei familiari. Del resto, ho sempre amato cucinare, i dolci specialmente, ma lavorando non dedicavo molto tempo a questa passione. La svolta è avvenuta due anni fa, quando ho perso il lavoro di educatore che svolgevo da 20 anni e mi sono ritrovata disoccupata a 46, con un forte senso di amarezza e di delusione».

Quanto zucchero per superare quel momento. Un momento lungo, lungo. Che per certi versi dura ancora. Confessa Maddy a emoticibo.com:

«Volevo inventarmi un mestiere, volevo ricominciare a inseguire un sogno. Mi sono iscritta a scuola e ho conseguito il diploma di pasticcera a novembre 2016. Preparo dolci in casa per amici e familiari e ho una pagina Facebook dove posto la mie creazioni. Si chiama “Dolce Maddy”. Realizzare un dolce mi aiuta ad esprimere la mia creatività, mi piace poter fare ogni volta qualcosa di diverso, nessuna torta è mai uguale a un’altra. Il mio sogno è quello di aprire un giorno un laboratorio tutto mio, non solo per appagare il mio desiderio di riscatto, ma soprattutto per dimostrare che non è mai troppo tardi per ricominciare, che possa essere per tutti un messaggio di speranza».

E allora che dire? Nella speranza che Maddy/Marilena ci sveli la “sua” ricetta del Pan di Spagna, il più soffice che abbia mai assaggiato, una vera nuvola, di ricetta del Pan di Spagna vi do modestamente la mia… Che ho ribattezzato Dolce della Santa Pazienza, perché a volte viene a volte no. Sembra semplice, infatti, questo dolce che sta bene in compagnia di creme e bagna, di alchermes e cioccolata, di caffè e di crema di burro… E invece semplice proprio non è!

Quanto a Maddy/Marilena, gli auguri più sinceri per un futuro dolce, dolce, da emoticibo.com

IL “MIO” PAN DI SPAGNA, che poi farcisci come ti pare (in attesa della ricetta che Maddy non mi darà mai!)

 

 

 AA212209 cucina 140 190 254 1400 1896 RGB

Il mio Pan di Spagna farcito con crema d’arancia. In cover, la torta a fiore di Maddy, con il Pan di Spagna più soffice che io abbia mai assaggiato!

 

Cosa ti serve per la crema all’arancia

5 uova

150 g di zucchero

75 g di farina

75 g di fecola

1 bustina di aroma di vaniglia o vanillina

1 noce di burro per imburrare lo stampo, possibilmente a cerniera

farina q.b. per lo stampo

sale q.b.

Come devi fare

Rompi le uova nella ciotola della planetaria e unisci un pizzico di sale. Fai andare la planetaria (ma puoi usare anche le fruste elettriche) a velocità media per circa 18 minuti, aggiungendo via via la vanillina e lo zucchero.

Nel frattempo, imburra e infarina accuratamente uno stampo a cerniera da 24 cm. Spegni la planetaria: il composto deve essere chiaro e gonfio.

Setaccia nel composto la farina e la fecola e l’aroma di vaniglia e amalgama il tutto con una spatola, con movimento dal basso verso l’alto. Cura con delicatezza questo momento delicato, in modo da non smontare il composto.

Versa il tutto nello stampo imburrato e infarinato, facendo attenzione a non sbattere lo stampo sul tavolo pe rilevare il composto. Cuoci in forno statico preriscaldato a 160° nel ripiano più basso e, prima di sfornare il dolce, verifica che sia cotto con la prova stecchino: se quest’ultimo esce asciutto, spegni il forno.

Una volta sfornato il Pan di Spagna, lascialo raffreddare, poi estrailo delicatamente dallo stampo, spera che non si sgonfi ma resti soffice (come quello di Maddi) e poi trattalo come vuoi.

A me piace tagliarlo a metà, incidendolo in orizzontale con un coltello lama piatta, e poi passandoci un filo grosso da cucito, come faceva la mia nonna.

Quando il dolce è aperto in due,  aiutandomi con un pennello, bagno con un liquore all’arancia entrambi gli “interni”, poi lo farcisco con uno strato di crema pasticciera fatta in casa, semplice, semplice, ma profumata all’arancia. Lo richiudo facendo attenzione a non romperlo e lo completo con una pioggia di zucchero a velo.

LA CREMA SEMPLICE SEMPLICE ALL’ARANCIA

Cosa ti serve

4 dl di latte

1 baccello di vaniglia

2 arance non trattate

6 tuorli

60 g di farina

125 g di zucchero

liquore all’arancia q.b.

Come devi fare

Incidi il baccello di vaniglia, versa i semini nel latte, metti tutto in una casseruola, aggiungi la scorza di un’arancia e porta lentamente a ebollizione.

Spremi il succo delle arance, filtralo con un colino. Sbatti i tuorli con lo zucchero in una ciotola, con la frusta a mano. Incorpora la farina, poco per volta alternandola a un mestolo di latte filtrato. Mescola bene con un cucchiaio di legno per evitare grumi e versa lentamente il resto del latte. Aggiungi il succo di arancia, metti sul fuoco e cuoci per circa 10 minuti, mescolando finché la crema velerà il cucchiaio. Trasferisci la crema in una ciotola e falla raffreddare.

Quando è fredda farcisci il tuo Pan di Spagna.

È così buona questa crema, che se avanza la puoi servire anche da sola, squisito dessert al bicchiere, decorata con le scorzette e qualche spicchio al vivo del mio e amato prezioso agrume di Ribera (AG) dell’amico e produttore Paolo Ganduscio. A proposito, tra poco è la loro stagione: wow, che scorpacciate!!

Golosi ed eleganti i bicchierini di delicata crema all'arancia. Proprio quella che uso anche per farcire il “mio” Pan di Spagna

Golosi ed eleganti i bicchierini di delicata crema all’arancia. Proprio quella che uso anche per farcire il “mio” Pan di Spagna!

 

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse