Blog Eventi Primi

Tempo di Libri, tempo di ricette del sorriso. La mia cucina solidale in Fiera e gli gnocchetti sardi con vongole e salsiccia

8 marzo 2018

Si cucina sempre per qualcuno. Uomini e donne nella quotidianità sono tenuti a “mettere in tavola”. Io, per la mia famiglia, lo faccio ogni giorno. E per gli amici, spesso e volentieri.

Personalmente, non riesco a cucinare se non ho presente gli occhi o il sorriso di almeno uno dei commensali. Preparo la pietanza e mi accompagna costante un pensiero: gli piacerà? Quanto riuscirò a stupirlo/a?

La cucina è infatti un dono, fatto di tempo, di pazienza e di sapori, che si regala principalmente a chi amiamo. Nutrire è un modo di occuparsi degli altri per eccellenza. Ho sentito perfino diversi chef parlare così: meno autocelebrazione, e il pensiero costante di offrire una sfumatura di consistenze, un profumo inedito… che alla fine si traducono in un momento da ricordare. Altrimenti, se al cucinare togli questa valenza, resta solo il mangiare per sopravvivere. Un panino, un’insalata, un’arancia et voilà ti sei riempito.

Come ormai molti sanno da anni mi batto perché la cucina ampli la sua propensione verso gli altri e si arricchisca di nuovi significati. Va bene il piatto-opera-d’arte, va bene l’esibizione di tecniche e bravura, ma non può essere tutto qui. Spostiamo il cibo da quello scranno celebrativo e fine a se stesso in cui è stato messo troppo spesso in questi ultimi anni e arricchiamolo – non solo e non tanto di condimenti e nuovi azzardati accostamenti – quanto di solidarietà.

È nata così l’idea della “cucina solidale”, che finora ha dato vita a libri di cucina, Le ricette del sorriso, veicolo di raccolta fondi: tu compri il libro di ricette e tutto il ricavato va alla Fondazione Operation Smile Italia onlus e Smile House, il centro milanese della onlus che ha sede presso l’ospedale San Paolo.

E proprio di questo parlerò (e cucinerò) a Tempo di libri, Fieramilanocity: per spiegare che la cucina deve avere un’anima e i libri ali, per volare verso chi ne ha bisogno. Oltre a parlare, mi toccherà spadellare, cosa che faccio sempre con piacere.

Per l’occasione cucinerò questi deliziosi gnocchetti sardi con vongole e salsiccia, tratti dall’ultimo ricettario benefico A tavola presto&buono (Morellini Editore), scritto pensando ai “miei” bambini nati con il labbro leporino e operati da bravi medici volontari.

Una ricetta semplice e… due volte buona.

Gnocchetti sardi con vongole e salsiccia  

Cosa ti serve (per 4 persone)

320 g di gnocchetti sardi secchi

1 kg di vongole

200 g di salsiccia

2 spicchi d’aglio

1/2 bicchiere di vino bianco

1 cipolla

2 foglie di alloro

1 bustina di zafferano in polvere

olio extravergine di oliva q.b.

sale e pepe

Come devi fare

Metti a bagno le vongole e lasciale per 2 ore in acqua fredda salata, cambiandola più volte per eliminare i residui di sabbia. Scalda un filo d’olio in una padella con l’aglio spellato; unisci le vongole e l’alloro, poi irrora con il vino.

Copri con il coperchio e falle aprire a fiamma viva, scuotendo di tanto in tanto la padella. Trasferiscile in una ciotola, elimina quelle chiuse e l’alloro e sgusciane 3 quarti. Filtra il liquido di cottura attraverso un colino a maglie fitte foderato con un telo. Pulisci e trita la cipolla.

Spella la salsiccia e sgranala con la forchetta. Scalda poco olio e rosolaci la cipolla con la polpa della salsiccia, per alcuni minuti (dev’essere ben cotta), mescolando. Fai addensare in una larga padella (dovrà contenere la pasta) il liquido di cottura delle vongole e scioglici lo zafferano.

Porta a bollore abbondante acqua, salala solo leggermente e cuoci i gnocchetti, secondo i tempi indicati sulla confezione. Scolali al dente e saltali nella padella con il liquido addensato delle vongole, a fuoco vivace per un minuto, insieme a tutte le vongole (aperte e sgusciate) e alla salsiccia con la cipolla. Mescola bene, spolverizza con una macinata di pepe e servi.

 

 

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse