Blog Dolci Ricette

Un’attesa al profumo di vaniglia. Come quello che emanano questi golosi Bicchierini di crema con riso soffiato al cacao

24 Marzo 2019

È avvolgente, intenso eppure lieve, e promette solo cose buone e dolci. Non so se esistano studi e ricerche in merito, ma per me il profumo di vaniglia è quello che più di ogni altro esalta e fa emergere i ricordi, ha il sapore delle promesse e la trepidazione dell’attesa.

Se fosse un colore, il profumo di vaniglia sarebbe quello che viene definito un colore “pastello”: un tenue giallino, un pallido rosa, un azzurro appena accennato o un verde delicato e tenero come il segno delle matite colorate sui fogli immacolati dei quaderni di quando eravamo piccoli.

Il profumo di vaniglia ti trasporta subito in una pasticceria straripante di soffici bignè, di morbide creme e soprattutto di sogni, con ripiani colmi di dolcissime prelibatezze colorate. Ma può accompagnarti anche nel retro di una bottega di pasticceria, in mezzo a nuvole di farina e a piccole e tremolanti colline di zucchero. O nella penombra di una cucina, magari col piano di lavoro in legno vecchio e marmo, levigato da lunghi usi familiari.

Una cucina in cui troneggia un grande forno acceso, con dentro una torta squisita che emana il suo goloso profumo.

In questi giorni guardo spesso – con apprensione tutta da mamma – il pancione di mia figlia e sento profumo di vaniglia attorno a questa attesa che, alla stregua di ogni altra simile, ha in sé qualcosa di sacro, avvolta com’è nel mistero più grande.

E benché siamo solo io e lei, in realtà siamo quasi sempre in 4: tra noi, infatti, ci sono io di 25 anni fa, col mio pancione-traguardo di felicità, e quel frugolino scalciante che non vediamo l’ora di poter abbracciare, e che per ora se ne sta ben protetto nel pancione della sua mamma, promessa di una gioia così grande che per reggerne l’aspettativa ci tuffiamo – spesso e volentieri – in morbide merende. Come questi bicchierini dall’inconfondibile profumo di cose buone. E di vaniglia.

Bicchierini di crema con riso soffiato al cacao

Cosa ti serve:

125 g di zucchero;
6 tuorli;
2,5 dl di latte;
2,5 dl di panna fresca;
1/2 stecca vaniglia o 1 bustina in polvere;
1 limone non trattato;
4 cucchiai di riso soffiato al cacao

Come devi fare:

In una casseruola, porta a bollore il latte e la panna con la vaniglia, aperta a metà per il lungo (oppure se usi la bustina, versa la polvere nel latte); aggiungi anche un pezzetto di scorza di limone. A parte, sbatti i tuorli con lo zucchero in una ciotola. Stemperali con il miscuglio di latte e panna, filtrato, e versa nuovamente nella casseruola portandola sul fuoco. Fai cuocere e addensare a fuoco dolce, mescolando sempre. Spegni il fornello appena la crema inizia a fumare. Raffreddala subito, trasferendo la casseruola in una bacinella di acqua e ghiaccio, sempre mescolando. Suddividi la crema in 4 bicchieri o coppette e guarnisci con uno strato di riso soffiato al cacao.

 

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse