Primi

E grazie anche a te zio per questo sugo divino. Una salsa da provare per condire con la pasta ripiena di ricotta e spinaci

5 Febbraio 2015

Emoticibo sugo dello zio

È una delle eredità culinarie dello zio Luigi. Un sugo come poche volte mi è capitato di assaggiare. Me l’ha trasmesso fedelmente la zia Giù.

Si fa così.

Prendi un tegame non troppo capiente in cui versi mezzo bicchiere di olio extravergine d’oliva. Lì, metti a rosolare una grande e abbondante varietà di aromi, che possono andare dal basilico all’origano, dal timo alla salvia, dal rosmarino alla maggiorana, ben sminuzzati, che così rilasciano più profumo. Aggiungi un cipollotto e uno spicchio di aglio finemente tritati. Fai rosolare a lungo, a fuoco lento, senza che brucino, poi coli l’olio e lo raccogli, filtrato, nello stesso pentolino. Ora aggiungi una buona salsa di pomodoro, continuando a sbattere con una frusta, sul fuoco, fino a inglobare l’olio, dopodiché aggiungi latte, pochi cucchiai, piano piano, continuando sempre a sbattere il sugo con la frusta. Ora aggiusta di sale e pepe, continua per circa 15 minuti, sempre mescolando, fino a ottenere una deliziosa salsina, particolarmente adatta per condire la pasta ripiena a base di ricotta e spinaci. Quelle della foto sono le caramelle piacentine, ripiene, dono del mio grande amico Pino, che domenica le ha fatte fare appositamente per me, dal suo ristoratore preferito.

Morale della favola: quando gli uomini mettono il naso in cucina o rompono le… uova o sono degli Dei!

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply Antonella 19 Dicembre 2018 at 21:38

    Le tue ricette sono sempre sfiziose e saporite proverò anche questa senza dubbio. Grazie

  • Leave a Reply