Senza categoria

E adesso mangiamo più leggero, con meno calorie senza però rinunciare al gusto. Come questa strepitosa orata all’arancia e aromi

9 gennaio 2017

Abbiamo esagerato, vero? Capita, tra panettoni, pandori, paté, paste ripiene, torroni e cremine al mascarpone. Ma le Feste di fine anno sono anche questo, no?

Adesso ci mettiamo in riga, con pasti regolari, più leggeri, ma altrettanti gustosi. Mica possiamo mortificare le nostre benedette papille gustative solo perché Natale è passato e gennaio incombe coi suoi rigori (anche a tavola), giusto?

Ho qualche proposta, ovviamente come sempre sperimentata (leggi: spazzolata da amici e famiglia), che intendo condividere con tutti voi.

Cominciamo da questa gustosa Orata con aromi e arancia. A un patto: che le arance siano bio e bionde.

Io personalmente sono molto affezionata a quella di Ribera, una valle tra Palermo e Agrigento in cui si coltivano le Washington Navel. Se proprio vogliamo dirla tutta, uso soltanto quelle del mio amico Paolo Ganduscio, un coltivatore mondiale di questa sferiche meraviglie.

Sono arance a dir poco strepitose, che come tutti possono vedere, sono anche state le protagoniste del mio primo libro delle Ricette del Sorriso realizzate a favore di Operation Smile: A tavola con le arance di Ribera, dall’antipasto al dolce (Morellini editore), ormai andato esaurito.

Le arance bionde, senza nulla togliere a quelle rosse che hanno tanti isoflavoni e altrettante virtù, sono dolcissime e succose, poco acide, molto polpose e soprattutto assai duttili in cucina. In particolare io le amo con il pesce, come in questa ricetta. Difficile immaginare un gusto più intrigante, delicato e divino. Il tutto in un piatto che ha pochissime calorie e appaga pure la vista. Visto come è bella questa orata?

E allora che cosa aspettiamo? Ecco la (facilissima) ricetta.

Orata all’arancia con aromi

Cosa ti serve

1 orata grossa di circa 400 g p du da 200 g

1 mazzetto di salvia

1 rametto di rosmarino

1 spcchio di aglio

2 arance bionde di Ribera Dop non trattate

2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

sale e pepe

Un'orata fresca presa al mercato, un paio di arance Washington Navel da Ribera, succose e dolci, prezzemolo, aglio e altri aromi per questo piatto delicato e a basso tenore calorico

Un’orata fresca presa al mercato, un paio di arance Washington Navel da Ribera, succose e dolci, prezzemolo, aglio e altri aromi per questo piatto delicato e a basso tenore calorico, adatto a questi giorni detox

Come devi fare

Prima di tutto pulisci il pesce, eliminando le squame, le branchie e, attraverso un taglio nella pancia, togli le interiora. Lavalo e asciugalo bene. Prendi un’ampia teglia che possa andare in forno, ungila con l’olio, accendi il forno a 220 gradi.

Lava e asciuga gli aromi, spella l’aglio e prepara un battuto fine fine a cui devi unire la buccia grattugiata di mezza arancia (solo la parte arancione). Sala e pepa l’interno del pesce poi riempilo con il battuto aromatizzato all’arancia.

Lava la restante arancia, asciugale tagliala a pezzi grossolani. Disponi il pesce nella teglia, aggiungi i pezzi di arancia con la buccia, sala e pepa, inforna per circa 35 minuti, ricordando di avvolgere la coda del pesce con carta stagnola affinché non bruci.

Taglia a mezze fettine sottili la mezza arancia restante e quando estrai il pesce dal forno, utilizzale per decorare l’orata.

 

Ti potrebbero interessare anche

Nessun Commento

Lascia un commento



I MIEI LIBRI

Per acquistare uno o più volumi delle Ricette del Sorriso, realizzati per aiutare i bambini con gravi malformazioni facciali e labio-palatoschisi vai su:
 

Logo Operation Smile

logo smilehouse